Stampa articolo  Crea PDF

Come soddisfare le esigenze dei discenti di oggi?

Chiara Mastroleo
 Chiara Mastroleo
 Formazione
23/01/2019: Internet ha spinto sempre di più gli utenti a ricercare contenuti online sui motori di ricerca, sostituendo spesso un corso e-Learning con una ricerca Google. Cosa dovrebbe fare il formatore di oggi per rispondere ai cambiamenti della tecnologia?
Come soddisfare le esigenze dei discenti di oggi?

Oggi, grazie a Internet, è possibile avere accesso ad ogni tipo di informazione, in qualsiasi momento della giornata, nell'istante in cui più si ha bisogno. Inoltre il web permette di effettuare ricerche, di salvarle e condividerle con chi si desidera, facilitando la ricerca dei contenuti e della loro catalogazione online.

I motori di ricerca sanno quando e dove comunicare determinati contenuti (come accade ad esempio con gli annunci pubblicitari, i quali appaiono sempre nel momento giusto e nel posto giusto); inoltre esiste ormai un’applicazione per ogni esigenza, senza contare che l'utente ha accesso a una disparata serie di video tutorial su Youtube.

Tutto ciò porta con se' la possibilità di comprensione generale di qualsiasi argomento che risulta essere funzionale per raggiungere un obiettivo ormai comune tra gli utenti: quello di diventare degli esperti generalisti, senza specializzarsi in un determinato settore.

Per sopperire a questo problema, si necessita dell’intervento di un formatore online, in grado di rispondere a questi cambiamenti che la generazione odierna ha introdotto.

Vediamo insieme le caratteristiche che un corso che si svolge in modalità e-Leaning dovrebbe avere per catturare l’attenzione degli studenti 3.0 di oggi.

Contenuti ridotti

Un buon corso e-Learning dovrebbe concentrarsi sull'obiettivo dell’utente. Per raggiungerlo un formatore online dovrà creare moduli dalle dimensioni ridotte (cosa che sui motori di ricerca è difficile reperire), evitando programmi formali che oltre ad essere lunghi, risulteranno essere anche noiosi. In tal modo gli studenti potranno rimanere attenti, senza perdere di vista i singoli obiettivi formativi.

Marketing

Se l’attenzione dell’utente viene catturata dagli annunci pubblicitari mentre è intento a navigare su Google, o mentre interagisce sui social, il formatore e-Learning dovrà fare altrettanto. Dovrà quindi promuovere i corsi e-Learning anche tramite inserzioni pubblicitarie su Google Ads o su Facebook Advertising, targettizzando il pubblico di riferimento.

Costruire una community

Seguire un corso e-Learning non significa studiare al computer e in totale solitudine. Assolutamente no. Formarsi online vuol dire iniziare a far parte di una community di persone che seguono un percorso formativo insieme, con le quali poter curare e condividere le informazioni che si apprendono.

Veridicità dei contenuti

Internet col passare del tempo sta perdendo affidabilità, a causa della possibilità di imbattersi in fake news pubblicate all'interno di siti poco attendibili.
L’utente dovrà quindi sempre preoccuparsi di controllare i contenuti e verificare che corrispondano al vero. Questo non accade in un percorso di apprendimento e-Learning in quanto dietro a ogni contenuto ci sono figure professionali che hanno il compito di creare e confezionare gli argomenti ad hoc, in base a ogni richiesta di formazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter e ricevi le notizie settimanali!

 ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
Nickname:
E-Mail (solo per ricevere le risposte)
Inserisci il tuo commento: