Stampa articolo  Crea PDF

4 domande sulla content curation applicata all'eLearning - Infografica

Paola Giura
 Paola Giura
 Infografiche
08/05/2019: La content curation può essere uno degli strumenti fondamentali per poter offrire ai corsisti un percorso di formazione più flessibile e coinvolgente. Di cosa si tratta? Quali sono i benefici dell’uso di questa disciplina per l’eLearning?
4 domande sulla content curation applicata all'eLearning - Infografica

Attualmente, ci troviamo nell'era dell’informazione. Siamo costantemente “bombardati” da contenuti testuali e visivi attraverso internet e i social network. Ovviamente, il pericolo è dietro l’angolo visto che non tutti questi contenuti sono attendibili né tanto meno di qualità. Ormai, le imprese sono sempre più coscienti dell’importanza di produrre contenuti validi e della necessità di adattarli a seconda delle esigenze aziendali e degli obiettivi da raggiungere.

Nel mondo dell’eLearning, come ben sappiamo, i contenuti sono imprescindibili. Solamente i corsi online che prestano attenzione non solo al design e all’usabilità della piattaforma, ma anche ai testi, hanno la possibilità di avere successo. In quest’ottica, si inserisce con forza un termine: “content curation”. Di cosa si tratta?

Ecco 4 domande (e le relative risposte) che ci permettono di scoprire questa disciplina:

Cos’è la content curation?

La content curation è un processo che si pone l'obiettivo di raccogliere, filtrare, mettere in relazione, organizzare e condividere determinati contenuti che possono essere utili e interessanti per gli studenti, e più in generale, per gli utenti. È un procedimento che, nell’ambito dell’eLearning, può essere di grande aiuto per condividere con i corsisti non solo il materiale del corso, ma anche ulteriori approfondimenti e aggiornamenti.

Quali sono le principali fasi della content curation?

Il processo della content curation si può dividere essenzialmente in queste fasi:

  • scegliere l’area di interesse e cercare i contenuti relativi a un tema (ovviamente utilizzando fonti affidabili);
  • analizzare e filtrare i contenuti per trovare quelli rilevanti per gli utenti;
  • condividere i singoli contenuti o inserirli all’interno del percorso di formazione.

In che modo la content curation può migliorare il tuo corso online?

La content curation può offrire un valore aggiunto al settore dell’eLearning in quanto è utile a:

  • creare una banca dati sempre a disposizione degli studenti come supporto nello studio;
  • offrire approfondimenti su determinati temi del corso;
  • migliorare il coinvolgimento e promuovere il dibattito fra gli alunni.

Per poter riuscire nell’intento, però, è necessario fare un’accurata cernita dei temi che possono realmente aggiungere un plus al corso. Per questo, è fondamentale inserire nel proprio team una o più figure specializzate in content curation.

Come valutare la reale efficacia della content curation?

Per poter valutare l’impatto della content curation è necessario non solo misurare il successo del percorso formativo in sé ma anche analizzare il feedback degli studenti. Ricordatevi di aggiungere una sezione dedicata alla valutazione dei contenuti (principali e aggiuntivi) in modo tale da ricevere un feedback diretto sulla qualità delle informazioni inserite grazie alla content curation.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter e ricevi le notizie settimanali!

 ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Commenti:




Nessun commento è ancora presente.
Nickname:
E-Mail (solo per ricevere le risposte)
Inserisci il tuo commento: